L’isola di Minorca: la più tranquilla delle Baleari

Stile di vita pacato, aria serena e rilassata, gente del luogo accogliente e ospitale. Con i suoi 300 giorni di sole l’anno, con estati calde e inverni miti, Minorca è di sicuro la più tranquilla delle quattro isole che compongono l’arcipelago delle Baleari. Apprezzata proprio da quanti amano una vacanza all’insegna della pace e del relax, Minorca è una località gradevole e pacata, molto lontana dai divertimenti sfrenati di Ibiza o dai vip che popolano Formentera ed è per questo considerata la loro cugina più riservata. Ci sono giorni in cui il silenzio è rotto solo dalle onde del mare. Sull’isola, certo, non manca la movida anche se è caratterizzata da uno stile isolano tutto suo: mite e riservato, lontano dal glamour delle più gettonate isole vicine. Proprio per questa sua peculiarità si adatta davvero a tutti: alle famiglie e alle coppie, a chi ama praticare sport o semplicemente godersi le bellezze naturali del posto e vivere appieno la natura incontaminata che la caratterizza.

Grazie alla sua vocazione ecologica e al suo paesaggio selvaggio, Minorca è stata infatti inserita dall’Unesco tra le “Riserve Mondiali della Biosfera” e ora si candida a diventare Patrimonio dell’Umanità per i suoi monumenti archeologici. Ce ne sono ben 32 tra talayot, navetas e taulas: costruzioni che si distinguono per l’originalità delle strutture, ma anche per la tecnica con la quale sono stati realizzati, il buono stato di conservazione e la loro imponenza. Il patrimonio archeologico e culturale è un’importante risorsa turistica. Sono presenti resti preistorici come la Naveta des Tudons, scavi come quelli della capitale, la bella Mahón, oppure piccoli borghi marinari che conservano ancora oggi le loro antiche tradizioni. Tutto è poi reso magico dai “llocs” o cottage, verniciati in bianco, che dominano il paesaggio.

Naturalmente il mare e le spiagge rappresentano la maggior fonte di attrazione di Minorca, soprattutto d’estate, ma anche in primavera e in autunno. Le acque cristalline e pulite, le spiagge bianchissime permettono ai turisti di nuotare in tranquillità e praticare ogni tipo di sport acquatico. Le sue spiagge – circa 80 più diverse calette per un totale di 216 chilometri di coste – mostrano tutto il fascino dell’isola: tra la vegetazione di pini e la macchia mediterranea, spiccano scogliere rocciose che si affacciano sul mare. Per quanto riguarda le spiagge incontaminate un posto d’onore lo merita Cavalleria, ancora totalmente vergine. Basti pensare che per raggiungerla è necessario lasciare l’automobile nell’ampio parcheggio di terra battuta e percorrere un sentiero per almeno 10 minuti. Ciò che la caratterizza è il colore della sabbia, di un rosso intenso, una spiaggia lunga circa 450 metri e il mare dal colore verde. Il contrasto, poi, con le rocce marroni che la circondano rende lo scenario davvero molto suggestivo.

La sensazione di relax e di pace profonda si fa dunque sentire dappertutto, lasciando un senso di benessere assoluto e incredibile. Non è un caso che sia stata anche definita l’isola della calma. A Minorca ci sono posti in cui il tempo sembra essersi fermato, villaggi di pescatori dove tutto è rimasto come una volta, dove la gente trascorre tranquilla le proprie giornate e i turisti possono godersi il loro soggiorno lontano dalle luci e dal clamore delle altre isole. Minorca, inoltre, ha il vantaggio di non essere preda del turismo di massa e di aver conservato molte delle sue tradizioni, la sua lingua (il minorchino, ufficiale insieme al castigliano) e il suo ambiente naturale. Il Parco Naturale di Albufera des Grau, zona centrale della riserva della biosfera, è ad esempio uno dei posti assolutamente da non perdere. Si tratta di una vasta laguna naturale che comprende numerosi isolotti per un totale di oltre 5 ettari di superficie. Il parco conta due importanti zone umide, ampie zone di costa incontaminata, l’isolotto d’en Colom e numerose aziende agricole in cui si pratica l’agricoltura tradizionale.

Scelta anche da numerosi pensionati che qui decidono di passare gli anni della pensione proprio per la sua quiete, a Minorca tutto è a portata di mano. Date le sue dimensioni contenute, si gira comodamente e in poco tempo ed è quindi possibile spostarsi da un luogo all’altro senza particolari problemi. L’efficienza del trasporto pubblico e le strade ben tenute permettono ai turisti in vacanza di muoversi agevolmente anche con autoveicoli e motoveicoli propri o presi in affitto, come ad esempio le bici. Proprio per gli amanti delle due ruote, sull’isola ci sono degli itinerari segnalati per il cicloturismo o altre escursioni a Minorca che rappresentano una buona alternativa per scoprirne gli angoli più belli. E tante altre sono le attività da poter svolgere: dalla vela al kayak, dalla canoa al windsurf fino alle immersioni subacquee e alle gite a cavallo.

Silenzio, pace, tranquillità fanno di Minorca la destinazione che stavate cercando per le vostre vacanze all’insegna della quiete e del relax e state pur certi che l’isola non vi deluderà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 − dodici =