Viaggio a Dublino alla scoperta della Pubmania

Il Pub è una meta fondameViaggio alla scoperta di Dublinontale per gli irlandesi una sorta di seconda casa, in modo particolare per i Dublinesi. Dublino è piena di Pub, ve ne sono almeno un migliaio ed è più facile che apra uno nuovo anzichè chiudere uno vecchio. Nella capitale il numero dei frequentatori dei Pub è cinque volte superiore rispetto alle zone rurali all’interno del Paese, e avrete modo di constatarlo di persona quando proverete a farvi largo nella ressa per ordinare una pinta al bancone.

I Pub sono arredati in modo molto particolare e tutto all’interno è portato a far sentire ciascun avventore a proprio agio; tavolini in mogano scuro, luce soffusa, sgabelli alti e quelli bassi del lounge,soffici divanetti imbottiti e un atmosfera altamente democratica, dove gli operai conversano tranquillamente con scrittori, accademici e i classici uomini d’affari in giacca e cravatta; e non sarà difficile anche per voi essere risucchiati nel vortice della discussione, sarà sufficiente che sappiate un pò d’inglese e che vi intendiate di sport.


Come abbiamo detto a Dublino in fatto di Pub vi è solo l’imbarazzo della scelta, per cui potrete fare il vostro giro dei Pub da soli, visitando quelli più caratteristici e quelli che a naso vi attraggono di più, oppure volendo potrete partecipare al Literary Pub Crawl una sorta di visita guidata attraverso i Pub frequentati dai grandi scrittori irlandesi. Sarete guidati dagli attori dell’Abbey Theatre i quali lungo il cammino reciteranno brani di ” Aspettando Godot ” e leggeranno brani di Oscar Wilde, oltre a cantare alcuni tra le canzoni irlandesi più popolari.
Tra queste potrete ascoltare l’inno dedicato da Brian O’Nolan alla birra scura più famosa d’Irlanda, che tra le altre cose recita cosi: ” quando i soldi sono pochi ed è difficile averne, e anche il tuo cavallo se ne è andato, quando tutto quello che ti è rimasto è una montagna di debiti, una pinta di birra è il tuo unico uomo! ”
Ma tornando ai Pub ecco quelli che non potrete fare a meno di visitare a Dublino:

  • The Brazen Head il più antico in assoluto
  • O’Donoghue’s dove nel 1962 i Dubliners iniziarono a cantare le loro ballate tradizionali
  • The Baggot Inn il pub che ha tenuto a battesimo gli U2
  • Mulligan’s i cui interni non sono cambiati dai tempi in cui lo frequentava Joyce, quando si chiamava ancora Burke’s; qui si dice che si beva la miglior Guinness della città.

Organizzare una vacanza estiva o autunnale a Dublino è semplice. Numerosi pacchetti turistici, collegamenti aerei da tutti i principali aeroporti italiani. Prenotando per tempo si può risparmiare. Ma se non avete ancora deciso esistono le famose vacanze last minute, non resta quindi che augurarvi uno splendido soggiorno a Dublino, all’insegna dei pub naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × tre =