House sitting, per un’estate gratis

House sitting: per un’estate gratis
House sitting: per un’estate gratis

Siamo nel pieno dell’estate e per coloro che sono ormai in preda all’ansia per le giornate che trascorrono inesorabilmente, così come per coloro che non riescono a godersi le vacanze, per la preoccupazione della casa in città, ecco la soluzione: l’House sitting, per un’estate gratis.

Domandona: come vivere una vacanza senza avere un budget a disposizione? Semplice, con l’House sitting, per un’estate gratis, da custodi, occupandosi dell’abitazione di un altro, in cambio dell’alloggio!
Un house-sitter toglie infatti più di una preoccupazione ai padroni di casa in vacanza, eliminando il rischio di un furto ed occupandosi di animali domestici, di eventuali lavori in corso o da poco effettuati, e di qualsiasi altra incombenza di casa.

Una figura il più delle volte rappresentata da un amico o da un parente, ma quando questi non ci sono, è necessario rivolgersi a sconosciuti, in cerca di una sistemazione gratuita, e talvolta, a seconda delle incombenze e degli accordi, di un compenso, da contattare tramite terze parti o siti appositi. Una formula conveniente quindi, per entrambe le parti.
Persone, disposte per un periodo medio-lungo per i più svariati motivi (lavoro, voglia di nuove esperienze, fuga dalla quotidianità, o altro), a diventare una sorta di guardiano temporaneo, con cui stipulare patti chiari, per quanto si deve occupare: solo della posta e delle telefonate, o anche di lavori manuali, della cura delle piante, dell’impianto elettrico, della pulizia di casa o di quant’altro.

Una figura l’house-sitter, che prevede quindi di badare alla casa del proprietario, ove a seconda dei compiti, dare tutte le informazioni necessarie sull’uso degli elettrodomestici, e/o quanto alle peculiarità della casa, oltre ovviamente, nel caso di animali domestici, alle informazioni sulle loro abitudini ed aver organizzato – se possibile – preventivi incontri conoscitivi.
Buona norma è altresì con un house-sitter lasciare in frigorifero ed in dispensa, “qualcosa” di commestibile all’inizio, onde consentirgli di abituarsi con calma alla sua nuova sistemazione; ed lasciargli tutti i propri contatti, onde essere aggiornati con frequenza sulle condizioni della casa. Una formula l’House Sitting, per cui, la selezione degli house sitter avviene tramite siti specializzati, ai quali ci si iscrive pagando una sorta di quota tra i 20 ed i 60 dollari l’anno, ove, sulla scia dei comuni social network, godere di un profilo, con tanto di foto e feedback degli utenti. Ed una volta ottenuto l’ingaggio, prima di partire per “l’avventura”, è bene chiarire per bene i compiti ed eventuali oneri, prima di incorrere in situazioni spiacevoli!.

Ma ecco un elenco dei siti affidabili per approfittare della formula dell’House Sitting, per vivere un’estate 2016, rigorosamente gratis:
l’House Carers: ove trovare tante proposte da tutto il mondo – Belpaese compreso – tra i cui utenti c’è anche una giornalista del Guardian, che per qualche anno ha vissuto le vacanze in Puglia;

  • il Trusted Housesetters: ove buona parte degli annunci sono riservati agli amanti degli animali, in particolare di cani e gatti, in quanto il suo fondatore, Andy Peck, ha aperto il sito dopo un’esperienza di house/dog sitting in Spagna;
    il Sabbatical Homes: riservato a professori e ricercatori interessati allo scambio casa;
  • il The Caretaker Gazette: in auge dal 1983 (prima dell’avvento di internet), con una newsletter ricca di annunci di House sitting. Di lui, ha scritto persino il Wall Street Journal;
  • il Mind My House: uno dei siti più cliccati, ove l’iscrizione costa 20 dollari l’anno, e dove, il rapporto tra padroni di casa e house sitter è di 2 a 1;
  • l’Hecktic Travels: il sito di una giovane coppia di canadesi, ricco di tanti consigli su come viaggiare risparmiando!

Insomma, per un’estate gratis, in questo 2016 non ci sono più dubbi, la parola d’ordine è: House sitting! Buona estate e … buone vacanze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

venti − 15 =