Un weekend da sogno a Parigi

weekend parigiAh, la Ville Lumiere. Chi nella vita non sogna un soggiorno nella capitale francese? La città ideale per i romantici, ma anche per chi ama la cultura, gli scorci poetici, e, perché no?, lo shopping: non per niente è una meta amatissima per chi vuole fare un weekend romantico. E per questo vogliamo provare a proporvi qualche dritta.

Intanto leviamoci subito un pensiero: a meno ché non vogliate andare a dormire in un hotel con vista sugli Champs Elysees, a Parigi si può alloggiare spendendo poco. Come? Scegliendo un ostello, per esempio, o un alloggio low cost: bene, tra i tanti portali specializzati nell’aiutarvi a scegliere una sistemazione economica, ma senza rinunciare alla qualità.

Risolto il problema-dormire, eccoci pronti a partire per le nostre 48 ore parigine: che ne direste di partire da un giro in battello sulla Senna per guardare la città da una prospettiva diversa e apprezzare i famosi ponti cittadini, nonché gli scorci su Notre-Dame e la Torre Eiffel?

Una volta scesi dal bateau-mouche, una buona idea è andare in una delle tappe obbligate della città, ovvero, per respirare l’aria di Modigliani e Picasso: certo, è un posto ormai più che turistico, ma una visita la merita sempre.

Tutt’altro clima, tutt’altro fascino, tutta un’altra atmosfera invece, è andare al Museo d’Orsay, culla dei capolavori impressionistici e luogo meraviglioso in sé, visto che si tratta di una ex stazione ferroviaria riadattata che crea un ambiente splendido e inusuale per le opere d’arte.

Un’altra tappa che vi consigliamo è quella al cimitero di Pere-Lachaise, una vera e propria città di defunti celebri, in cui troverete le tombe di svariati artisti, da Jim Morrison a Oscar Wilde, da Chopin a Balzac. Già che siete qui, poi, potreste fare due passi e spingervi nel quartiere multietnico di Parigi, ovvero Belleville: coloratissimo e denso dell’aroma dei negozietti di cucina dove si riforniscono le varie etnie residenti nel quartiere, e un luogo reso celebre soprattutto dai romanzi di Daniel Pennac (o, per chi l’avesse visto, dal commovente film d’animazione “Appuntamento a Belleville”).

Da qui, poi, la prossima tappa è lo storico e caratteristico quartiere Marais, con le sue strade acciottolate, i suoi negozietti di abbigliamento (noi vi consigliamo la boutique Frederic Delliaux l’Atelier, in Rue du Roi de Sicile, con i suoi capi d’abbigliamento) e gli antiquari, nonché il quartiere ebraico e, la sera, una vivace vita notturna, in cui concedervi anche una cenetta intima a lume di candela: tutto questo concentrato nel pieno centro della città, a due passi dal Beaubourg e dal futuristico Centre Pompidou.
E poi, se non avrete dato fondo ai vostri risparmi nelle boutiques caratteristiche del Marais, sarete pronti a lasciarvi andare a un giro negli affollatissimi negozi degli Champs Elysees, o, se volete fare definitivamente colpo, passare da Place Vendome, peraltro di per sé splendida, e regalare alla vostra amata una collana di gioielli artigianali.

Allora, avete preso nota? Questi sono i nostri consigli per un weekend indimenticabile a Parigi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.