Vacanza estiva in house swapping

Vacanza estiva alternativa
Vacanza estiva alternativa

Avete un budget ridotto per le vacanze 2016? Bene, ecco a voi la soluzione; una vacanza in House swapping: ma scopriamo cos’è e come funziona …

L’House swapping è infatti una nuova forma, alternativa, per impostare le proprie vacanze, all’insegna del comfort, del costo zero, senza problemi burocratici, e della conoscenza diretta di altre culture e tradizioni; ma scopriamo quindi meglio per l’estate 2016, cos’è e come funziona una vacanza in House swapping.

Direttamente dagli anni 50 in Svizzera e Germania, sulla scia della famosa pellicola “L’amore non va in vacanza”, l’House swapping è una pratica di oltre 60 anni, intelligente ed economica, di vivere le vacanze, per cui i proprietari di una residenza, si scambiano l’uso dell’appartamento/casa per un periodo di tempo, senza la minima transazione economica.

Un fenomeno in crescita l’House swapping, nato nel modello economico del consumo collaborativo, fortemente diffuso con l’avvento del web degli anni 90. Una forma di viaggio, particolarmente gradita a chi ricerca l’intimità domestica di una sistemazione confortevole, da poter vivere, sentendosi parte dell’ambiente in cui ci si innesta, e non semplici viaggiatori “di passaggio”,; che tra gli scambi più comuni vede quelli simultanei, anche se sono comunque offerte seconde case, di villeggiatura.

E non a caso, i siti che si occupano di House swapping consigliano di dare il maggiore numero possibile di informazioni riguardanti la casa da proporre, oltre che di instaurare un dialogo frequente e continuo, con gli utenti di cui si sarà ospiti, onde conoscersi ed apprendere, tutte le regole della casa, che possono talvolta non essere scontate per utenti di altre culture o Paesi.
Un modo alternativo e low cost di viaggiare e fare vacanza, quindi l’House swapping, ricco di vantaggi, che si sta diffondendo sempre di più, per effetto della crisi o forse per sperimentare metodi nuovi di vacanza o di conoscere persone, che ad oggi, sui siti a tema, vede centinaia di migliaia di iscritti in tutto il mondo, con una tendenza di crescita continua.
Swap” di case, organizzati per lo più da agenzie specializzate, che previo il pagamento di una quota associativa annua che va dai 30 ai 100 euro (a seconda dei servizi offerti e della residenza cercata), forniscono la garanzia di alloggiare nella residenza e location desiderata (nel mondo), purché vi siano persone abbonate allo stesso circuito, nel luogo e periodo dell’anno desiderato.
Ma come funziona di fatto lo scambio di casa? Ebbene, dopo essersi iscritti al sito e pagato la quota associativa all’agenzia, bisogna descrivere (meglio se in inglese) quel che si desidera scambiare (la prima casa, la seconda, l’auto, il camper o la barca), corredando il tutto con tanto di foto ed informazioni dettagliate. Quindi vanno indicate le date in cui si vuole viaggiare e le location scelte; a tal punto, una volta caricato il proprio annuncio, si può iniziare la ricerca del partner per il baratto.

Location, che per chi non ha ancora scelto la meta per le vacanze dell’estate 2016, vede al 1° posto la Francia, seguita da Italia, Spagna, Inghilterra e Germania.

Destinazioni, che pur di toccare le quali, ci sono persino utenti che accettano scambi non alla pari, non tenendo cioè conto del valore dell’abitazione, in virtù dello scambio di un bilocale nella periferia di Parigi o a Roma, contro ad esempio una super villa in Australia!
Scambi di casa, per organizzare per bene i quali, possono servire anche due o tre mesi, contattando anzitutto i proprietari e verificando la loro disponibilità, quindi stabilendo il periodo, e dopo essersi informati sulle abitudini ed esigenze della famiglia, andare a definire i quesiti più diversi, quali: come pulire la casa, dove si trova la caldaia, o quant’altro. Condizioni, talvolta, definite con mini-contratti privati, che pur non avendo grande valore giuridico, sono preziosi in caso di danno o furto.

E’ bene comunque sapere che per maggiore sicurezza, le associazioni che gestiscono gli scambi di casa, propongono assicurazioni a copertura del viaggio, con tanto di servizio di pronto intervento per eventuali guasti da riparare. In ogni caso è importane fare affidamento sulle recensioni e sui commenti del sito, per cercare di conoscere al meglio, la famiglia con cui barattare casa.

Insomma, House swapping, che per l’estate 2016 è una preziosa soluzione di viaggio, che oltre a consentire di vivere una vacanza alternativa e low cost, consente di scoprire il cuore di nuove culture e di fare nuove amicizie, che è possibile mantenere nel tempo, arrivando non solo a a scambiarsi casa ma ad offrire ospitalità ai rispettivi amici e/o parenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.