Estate: Mete per un viaggio eco-sostenibile

Con l’estate ancora lontana, come poter sfuggire dalle gelide temperature invernali di questi giorni? Semplice, iniziando a pregustare per l’estate 2017: le migliori mete per un viaggio eco-sostenibile.

In quello dichiarato dall’ONU, l’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo, per diffondere la consapevolezza del patrimonio delle varie culture, andiamo a scoprire le mete per un viaggio eco-sostenibile.

Un anno questo, mirato a sensibilizzare sulla consapevolezza del grande patrimonio delle varie culture ed al rafforzamento della pace in tutto il mondo, nel quale è quasi doveroso optare un viaggio, quale occasione per apportare benefici al pianeta ed ai suoi abitanti.

Un anno nel quale per l’estate 2017 andare alla scoperta delle mete per un viaggio eco-sostenibile, con:

  • l’Alaska, una terra non solo fatta di freddo e ghiaccio, ma anche di meraviglie naturali tutte da scoprire, vivendo esperienze a basso impatto ambientale, come ammirare l’orso polare, il cui ambiente è minacciato dal riscaldamento globale. Qui è possibile rivolgersi ad operatori qualificati con la certificazione di turismo sostenibile Adventure Green Alaska;
  • le Azzorre, meraviglioso arcipelago di origine vulcanica nell’oceano Atlantico, ove osservare i salti e le evoluzioni di balene e delfini nel loro habitat naturale. Qui si incrociano addirittura ben 27 specie di cetacei, per cui gli avvistamenti sono assicurati! E la Dolphin and Whale Connection, facente parte della World Cetacean Alliance, offre specifiche escursioni per osservare balene e delfini;
  • la Svezia, da molti ritenuto il paese più sostenibile al mondo, ove soggiornare in uno degli oltre 250 alberghi e ostelli con il marchio Nordic Ecolabel, seguire uno dei centinaia tour con certificazione Nature’s Best Ecotourism, girare in bici Göteborg, esplorare il parco urbano di Stoccolma e mangiare piatti locali, preparati con ingredienti biologici;
  • il Nepal, ove dopo il terremoto di magnitudo 7.8 del 2015, oggi quasi tutti gli itinerari di trekking sono stati finalmente riaperti al pubblico. Inoltre, tutti coloro che sono interessati a contribuire alla ricostruzione di un villaggio, possono rivolgersi alla società di turismo sostenibile Eco Companion, che propone un campo di 20 giorni;
  • il Gansbaai, in Sudafrica, ex villaggio di pescatori ed oggi fiorente centro impegnato in iniziative e attività di turismo eco-sostenibile, ove fare escursioni, uscite in kayak, fat bike ed osservare le balene con Dyer Island Cruises, un operatore con certificazione Fair Trade Tourism;
  • il Cayuga Collection Hotels, in Costa Rica, che mira a diventare entro il 2020 il primo paese sulla terra a emissioni zero. Qui è ampia la scelta di tour e attrazioni eco-sostenibile, oltre ai numerosi alberghi ove poter soggiornare, tra i quali spiccano gli 8 hotel della catena Cayuga Collection, siti nella selvaggia natura costaricense;
  • la Thailandia, ove ammirare i maestosi elefanti, che mentre un tempo erano usati per escursioni e spettacoli, sono oggi curati nelle riserve, ove comunque i turisti, hanno la possibilità di interagire con loro, in un ambiente sicuro per entrambi. Di nota tra queste, l’Elephant Nature Park a Chiang Mai e l’ElephantsWorld vicino a Kanchanaburi;Thailandia
  • il Guatemala, ove soggiornare nelle famiglie, a diretto contatto con la comunità locale, conoscendo la cultura e le tradizioni di questo spettacolare luogo. Tra gli operatori che si occupano di questo tipo di soggiorno, di nota Responsible Travel, che offre soggiorni sostenibili in tutto il mondo, da Goa al Guatemala;
  • Copenaghen, una città a elevata sostenibilità, che spicca tra le città in prima linea per  l’uso di contenitori per alimenti riciclabili e/o compostabili, oltre che per l’acquisto di prodotti a km zero per le strategie utili a ridurre il deperimento e lo spreco, e per molto altro. Qui durante un soggiorno, è doveroso prenotate un tavolo al Relae o da Rub & Stub;
  • Bali, in Indonesia, impegnata ogni mese nello smaltimento delle bottiglie di plastica usate dai cittadini, pari a ben tre milioni, ove durante il viaggio “fare la differenza”, utilizzando borracce riutilizzabili. Per andare preparati a Bali, è bene informarsi sull’impatto ambientale delle bottiglie di plastica al sito Banthebottle.

Ed ora a voi aspiranti viaggiatori eco-sostenibili della prossima estate: quale tra le migliori mete per un viaggio eco-sostenibile scegliete, per fare la differenza? A voi l’ardua sentenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.