Una vacanza in hotel a Malta

Vacanze a MaltaNel cuore del Mediterraneo c’è un’isola affascinante, abitata sin dal 5200 avanti Cristo. È Malta, a soli 88 chilometri dalle coste italiane, una delle località turistiche più importanti del mondo.Svago, storia, cultura. Sono gli ingredienti che, negli anni, hanno fatto di Malta una delle principali mete turistiche del mondo.Questo arcipelago, formato da 7 piccole isole (di cui solo tre abitate), racchiude dei veri e propri tesori, come testimonia il fatto che l’Unesco ha dichiarato ben tre siti locali come “patrimoni dell’umanità”: la città La Valletta, l’Ipogeo di Hal Saflieni e i templi megalitici.

Niente male per uno Stato che si estende solo per 316 chilometri quadrati, uno dei più piccoli al mondo (e anche uno dei più densamente popolati): per capirci, la Valle d’Aosta, la regione più piccola d’Italia, ha una superficie di 3262 chilometri quadrati, dieci volte superiore a quella di questo Stato sovrano, che ha conquistato l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1964, entrando a far parte del Commonwealth.

Ma già il nome del Paese induce a prenderlo in considerazione per le proprie ferie: secondo l’etimologia greca, il nome deriva dalla parola “Melitē”, che significa “dolce”, vista la quantità di api autoctone che producevano miele in abbondanza. Ma c’è anche la versione ebraico-fenicia, che fa risalire la denominazione alla parola “Malet”, ovvero rifugio, ricovero sicuro.
Insomma, il posto ideale per chi vuole trascorrere dei giorni sereni, cullati dalla magia di luoghi storici e affascinanti e accolti in uno dei tanti hotel che Malta offre a disposizione dei suoi turisti (come possiamo vedere ad esempio su Expedia). Non è un caso  che negli ultimi cinque anni l’isola abbia visto una crescita di visite pari al 10%, superando quota un milione e mezzo di visitatori, con un 15% di incremento della spesa.

Negli ultimi mesi, poi, i collegamenti tra l’isola e l’Italia si sono intensificati, grazie anche alla scelta della compagnia di bandiera maltese di puntare sul nostro Paese e aumentare il numero delle tratte presenti. Da quest’anno sono infatti attivi i trasferimenti diretti da Parma e Venezia, che si aggiungono a quelli “storici” di Milano, Roma e Catania. D’altra parte, stando ai dati sui flussi turistici più recenti, nel 2013 gli italiani che hanno scelto di fare una vacanza a Malta sono stati 234.000: questo significa che c’è stato un incremento del numero di nostri connazionali del 16,4% rispetto al 2012 e addirittura del 17,6% rispetto al 2011.
L’Italia rappresenta il secondo mercato per flusso di turisti verso Malta dopo il Regno Unito, che ovviamente ha ancora una forte incidenza sul territorio (tanto che l’inglese è la lingua ufficiale dell’isola).

Infatti, Malta è spesso scelta anche da persone che vogliono perfezionare il proprio inglese, anche se capita di sentir parlare anche in Italiano, diffuso in campo commerciale, turistico e scolastico, e compreso dalla grande maggioranza degli abitanti: infatti, più del 66% della popolazione parla correntemente la lingua di Dante (nonostante la decisione da parte della Gran Bretagna di abolirlo completamente nel 1934, dopo l’inasprirsi dei rapporti internazionali con l’Italia).

Ma l’arcipelago maltese offre tanto altro: la capitale La Valletta, come detto, è un patrimonio mondiale riconosciuto per le sue bellezze storico-architettoniche, mentre i siti megalitici e ipogei sono più antichi delle piramidi e raccontano settemila anni di storia. I più sportivi possono contare su 60 siti per le immersioni, mentre gli amanti dell’ecoturismo hanno l’opportunità di trascorrere una giornata con quegli abitanti di Gozo (la seconda isola dell’arcipelago per dimensione) che ancora si dedicano alla pesca o alla pastorizia, o di seguire un tour organizzato che consente l’esplorazione dell’habitat naturale della stessa Gozo, della sua flora e della sua fauna. Proprio nelle vicinanze di questa isola sorge uno spettacolare arco naturale di pietra scavato dal mare, la maestosa Finestra Azzurra, che domina l’intera zona e che, nelle giornate di mare calmo, rappresenta un ottimo punto di partenza per le immersioni.

Secondo una leggenda, è a Gozo che la ninfa Calipso trattenne Ulisse prigioniero per sette anni: ancora oggi si può vedere la grotta dove viveva la ninfa, in prossimità della rinomata spiaggia di Ramla. Questo spiegherebbe anche l’assenza di abitazioni nei dintorni: dentro la grotta aleggerebbe ancora lo spirito di Ulisse, infatti, che produce suoni misteriosi e paurosi, che hanno scoraggiato eventuali insediamenti. Ma che di sicuro invogliano i turisti alla ricerca di posti strani e affascinanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.