Oceania: Vacanze alle isole Fiji

Le isole Figi note come Fiji, sono un arcipelago dell’Oceania che formano l’omonimo stato. Ufficialmente denominata Repubblica delle Isole Figi, è una nazione insulare nel sud dell’Oceano Pacifico ad est di Vanuatu, ad ovest di Tonga e a sud di Tuvalu. Il paese occupa un arcipelago di circa 322 isole, di cui 106 sono abitate permanentemente, oltre a 522 isolotti. Le due isole maggiori, Viti Levu e Vanua Levu contano circa l’87% della popolazione.

Spiagge bianche incontaminate, mare cristallino, in cui a pochissimi metri di profondità si possono ammirare pesci coloratissimi o coralli, tramonti in cui il sole si avvicina al mare e colora la natura di colori unici, il clima tropicale, queste sono le isole Fiji. La natura regna sovrana in un mondo che miscela affioramenti corallini intatti e di inimmaginabile bellezza, sentieri nelle foreste pluviali dal profumo intenso, fiumi, torrenti e cascate nascoste in luoghi remoti e quasi inesplorati.

I resort turistici sono affacciati direttamente su spiagge bianche lambite dalla laguna intatta dalle tante sfumature del turchese e ricca di vita sommersa. Una destinazione adatta ad ogni tipo di preferenza, dalle coppie romantiche, alle famiglie con bambini, ai più avventurosi ed amanti dei fondali multicolore. Le isole Fiji sono una destinazione unica e memorabile, caratterizzata da un paesaggio strepitoso e dalla forte energia ed armonia che sprigiona ogni luogo visitato.

Cosa vedere e fare

  • Levuka, situata sull’isola di Ovalau a ovest di Viti Levu, fu la capitale delle Fiji durante il primo periodo della dominazione coloniale, la popolazione è per la maggior parte costituita da discendenti delle unioni tra aborigeni ed europei. L’industria ittica PAFCO (Pacific Fishing Company) dà lavoro a 1000 persone (un terzo circa della popolazione attiva locale). Tre grandi macigni posti all’estremità meridionale di Beach St indicano il Cession Site; proseguendo lungo la passeggiata del lungomare si raggiungono la Sacred Heart Church (Chiesa del Sacro Cuore, 1858), la Marist Convent School (1891), il town hall (municipio; 1898), la Masonic Lodge (Loggia Massonica) e molti altri edifici. Nella zona ci sono buone opportunità di praticare lo snorkelling e di fare immersioni subacquee, e si noleggiano anche biciclette. Il villaggio di Lovoni, a ovest di Levuka nel centro di Ovalau, è arroccato all’interno dello spettacolare cratere di un vulcano ormai spento. Le escursioni a piedi con accompagnatore, che partono da Levuka, conducono alla foresta pluviale, alla località di sepoltura di un capo e al Korolevu Hill Fort.
  • L’ARCIPELAGO DELLE LAU si trova a metà strada tra le isole principali delle Fiji, a ovest, e il regno di Tonga a est. È formato da circa 57 minuscoli isolotti sparsi vi si respira un’atmosfera decisamente polinesiana, grazie alla vicinanza di Tonga. Vanuabalavu è la maggiore delle isole settentrionali dell’arcipelago: ospita un resort di lusso e una pista di atterraggio. Le possibilità di immersioni subacquee sono eccellenti; a Kiabu, che divide la sua barriera corallina con l’adiacente Yacata, c’è un resort di lusso: quest’isola è proprietà privata e può ospitare sei persone al massimo; offre varie attività, tra cui windsurf, vela, trekking ed esplorazione delle grotte.Tra le isole meridionali spicca Lakeba, tradizionale punto d’incontro per gli abitanti di Tonga e delle Fiji. Sull’isola si trovano diverse grotte, tra cui la Oso Nabukete.
  • VANUA LEVU è la seconda isola delle Fiji in ordine di grandezza e di popolazione,  un luogo comunque rilassante. Pur trattandosi di un’isola vulcanica, Vanua Levu offre alcune eccellenti possibilità di praticare lo snorkelling e le immersioni subacquee, oltre a fare escursioni in kayak e ad osservare gli uccelli. L’entroterra dell’isola, remoto e selvaggio,con le sue coste frastagliate offrono la possibilità di splendide passeggiate, mentre a Nabouwalu, nei pressi di Savusava, e a Wasavula, vicino a Labasa, si trovano alcuni interessanti siti archeologici. L’isoletta di Rabi, situata oltre l’estremità nord-orientale della penisola, è abitata da micronesiani originari di Banaba, a Kiribati. Le barriere coralline e le spiagge dei dintorni offrono la possibilità di fare splendide nuotate e diverse opportunità di praticare lo snorkelling.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.